Press "Enter" to skip to content

Capitale Italiana della Cultura 2022. Iniziano le audizioni delle città finaliste

Ogni anno il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, tramite la proposta di una commissione di esperti, nomina la capitale italiana della cultura. L’iniziativa, nata nel 2014, è volta a sostenere, incoraggiare e valorizzare la autonoma capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della cultura per la coesione sociale, l’integrazione senza conflitti, la conservazione delle identità, la creatività, l’innovazione, la crescita e infine lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo.

Si tratta di un’occasione molto importante per la cultura nazionale e per la città vincitrice (la cui proclamazione è prevista giorno 18 gennaio) perché, grazie al contributo di un milione di euro messo in palio, potrà, per la durata di un anno, rappresentare una vetrina di good practice culturale a livello nazionale e far conoscere i propri caratteri originali e identitari.

Negli anni precedenti il titolo è stato assegnato alle Città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018. Parma è la Capitale italiana della cultura 2020, prorogata al 2021 come disposto dal Dl Rilancio 19 maggio 2020, n.34, che ha inoltre stabilito che la procedura di selezione per l’anno 2021, in corso alla data di entrata in vigore del decreto, si intende riferita all’anno 2022.

Ancona, Bari, Cerveteri, L’Aquila, Pieve di Soligo, Procida, Taranto, Trapani, Verbania e Volterra sono le 10 città finaliste le cui audizioni avranno luogo giovedì 14 gennaio e venerdì 15 gennaio. Gli incontri saranno trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube del Mibact www.youtube.com/MiBACT

Share via
Copy link
Powered by Social Snap